-

A CUOPPO CUPO POCO PEPE CAPE ...e... POCO PEPE CAPE A CUOPPO CUPO

sabato 13 febbraio 2010

ʚϊɞ, ovvero: Heavy Rain, solo per PS3


"LA DONNA è sola nell'ampio bagno del suo lussuoso loft. Si spoglia con calma, si rilassa sotto la doccia: si prende tutto il tempo necessario mentre la telecamera indugia sui dettagli del suo fisico atletico. Poi chiude i rubinetti, si asciuga lentamente e si riveste indossando degli slip e una... canottiera leggera( eloquentissimo l'uso dei sospensivi, peccato che l'autore non abbia pensato ad aggiungerci anche un ":)" o, meglio ancora, un ";D" ).
L'occhio del regista segue Madison - questo il nome della donna - mentre si rifugia nell'intimità del suo bagno per poi andare in cucina. Giusto il tempo di accorgersi di un rumore strano, prima che si scateni la violenta aggressione da parte di quattro intrusi coperti da passamontagna e armati di coltelli, che la picchiano ripetutamente e tentano di ucciderla scaraventandola contro i mobili della stanza."

Prima il simulatore di stupri, poi il simulatore di aggressione domestica. In attesa del simulatore di morte per cancro e quello di morte eutanasica, concentriamoci sulle chicche di quest'ultima genialata: è indispensabile, credo per attizzare un po' il giocatore in attesa della violenza, che inizialmente la donna venga mostrata nuda e nell'atto di fare la pipì. Fondamentale che la donna si rivesta per indossare nient'altro che una ... :) canottierina leggera e un paio di slip e che, così abbigliata, si difenda stenuamente dalle botte.

Proprio come nei film dove, molto spesso, le donne aggredite sono coperte solo da trasparenze, giusto per non sconvolgere troppo lo spettatore -che non vedrà il dolore nasconsto dentro la violenza cui sta ssistendo se gli si mantiene la cappella sempre arzilla; e proprio come nella vita reale! Nessuna donna, infatti, passeggia più per casa in tuta o in pigiama; in vestaglia, semmai, ma solo se questa le promette giuochi di luce e capezzoli, o in slip e ... ;D canottierina. Del resto chi di voi assistendo all'aggressione di una donna in slip si soffermerebbe a guardarle il sangue anziché il culo?
Fortunatamente, - perchè poi ci si deve anche saper accontentare!- stavolta il giocatore manovra la donna e non gli aggressori. Bello no?

6 commenti:

Gians ha detto...

Il loft sono loffi.

|bp| ha detto...

quelli lussuosi invece sono loffe ...:D

Gians ha detto...

In realtà adoro i loft, il mio era solo un modo per rompere il ghiaccio su un tema davvero spigoloso. Quello dei videogame è un terreno davvero minato, io non gli amo, anzi a dire il vero sono rimasto fermo alle due barrette in b/n che scorrono a fermare una pallina. Ora tutti sono invece intrisi di sesso e violenza, e se questo è il polso del mercato, in cui a quanto pare pure la Sony investe, allora siamo giunti al game over. Buon we.

Mk ha detto...

Era proprio quello che mi mancava in questa giornata.Complimenti a chi l'ha creato e a tutti i depravati che lo useranno.
Augh,ho detto:DDD
Un bacio BP:)
mk

Ugolino Stramini ha detto...

Ciao, BP, solite cose, vecchie cose, trite e ritrite.
Io pure mi sto stancando di ripeterlo: c'è qualcosa di non detto, c'è un'elusione di fondo nella questione della quale la violenza sulle donne è solo la scaglia che ti rimane sottopelle quando accarezzi un legno storto.

E mi riferisco al fatto che queste scene, questi giochi, fanno presa sull'immaginario maschile perchè c'è evidentemente il punto in cui far presa e su questo bisognerebbe agire; il problema è che non è un tatuaggio, una cicatrice o un taglio di capelli, ma qualcosa che se non è la pietra angolare della costruzione dell'uomo poco ci manca.
Detto in altri termini, solo rinunciando ad essere ciò che siamo possiamo aspirare ad essere diversi, ma il prezzo a me pare potrebbe essere molto alto.

|bp| ha detto...

Gians, speriamo .. a questo punto un game over sarebbe veramente gradito!

MK, augh! ho sottoscritto :)

ugolo, in un modo o nell'altro c'è sempre chi paga caro l'essere dell'altro.
Come te, anche io sono statnca di ripetermi, ma a volte certe accortezze aiuterebbero: in questo caso, perchè mostrarla nuda o semi questa donna? Forse sostanzialmente non avrebbe fatto tanta differenza, ma è disgustoso come il nudo femminile sia diventato una costante gratuita