-

A CUOPPO CUPO POCO PEPE CAPE ...e... POCO PEPE CAPE A CUOPPO CUPO

martedì 3 novembre 2009

LA MIA SEMBRA ESSERE LA GENERAZIONE MANCATA, MANCANTE, MANCHEVOLE

E invece è solo una generazione qualunque, destinata a sopravvivere a forza di capate nei relativi muri:
"Il 15 ottobre il presidente dell'Istat, Enrico Giovannini, parlando alle commissioni Bilancio di Camera e Senato, ha spiegato che la riduzione occupazionale realtiva ai nuclei familiari, registrata nel secondo trimestre (556 mila), è dovuta soprattutto ai "figli" e ha interessato 404 mila persone. A confronto con loro, rischiano di sembrare pochi persino i 152 mila posti perduti dai genitori.
[...]
A giugno dell'anno scorso, tra quelli che hanno tra 25 e 34 anni, che in Italia sono ancora costretti ad essere "figli", l'8,7 per cento non aveva un impiego. Oggi sono il 10,1 per cento.
[...]
La maggioranza degli italiani, dice il Rapporto Italia 2009 di Eurispes, è convinto che le misure legislative adottate nell'ultimo decennio abbiano peggiorato le possibilità occupazionali dei giovani. Ora le imprese hanno ridotto drasticamente le nuove assunzioni indirizzate a loro. Hanno tagliato le collaborazioni e, quando li assumono, li impiegano con mansioni e condizioni economiche sempre meno gratificanti. Emarginati e relegati a ruoli eternamente precari anche nella ricerca universitaria, non sorprende che i laureati italiani - come confermano i recentissimi risultati dell'indagine europea realizzata da un istituto di ricerca di Berlino - siano purtroppo quelli che in tutta Europa credono meno alla possibilità di realizzare se stessi nel mondo del lavoro
" *

Io sono tra quelli che hanno tra i 25 e i 34 anni, che sono laureati e costretti ad essere "figli" perchè emarginati e rilegati a ruoli eternamente precari, con mansioni e condizioni economiche sempre più mortificanti (...altro che poco gratificanti!). Ne consegue la mia convinzione di non avere alcuna possibilità di realizzazione nel mondo del lavoro, a meno che ...
A meno che non mi si dia la possibilità di vivere dignitosamente pur lavorando solo per 10 ore la settimana, guadagnando 7.50centesimidieuro l'orde/l'ora. *-solo fino a Giugno, poi torno a ricamar bottoni. E m'è annata pure bene!-
A meno che non mi si assicuri che in caso di malattia e/o infortunio percepisca ugualmente uno stipendio.
A meno che non mi si dia uno stipendio di accompagnamento allo stipendio stesso.
A meno che non mi si conceda una casa nella quale non pagare le bollette non comporti conseguenza alcuna.
A meno che non mi si regali almeno l'illusione che tutto questo mi farà degna di ricevere, un lontano dì, l'agognata pensione.

Ma c'è ancora un altro aspetto da considerare, un aspetto che, guardando solo nel mio libro, la fa da ciliegina sulla torta:
il mio impiego si svolge in una scuola. In una scuola a Napoli. Napoli, la città più colpita da tutto, ma, ultimamente, la città più colpita dalla nuova influenza.
Capite? Napoli/scuola/nuova influenza?
Questo trinomio ha la strada già segnata: a Napoli, a causa del picco della nuova influenza, chiuderanno le scuole -Alcune sono già state chiuse. E che sia per una sola settimana o per un mese e più non fa differenza, il mio libro (paga) non m'appaga, ma langue e chiagne.
E' psicosi. E io mi sento tanto psicotica.

2 commenti:

Mk ha detto...

Quoque tu scuola.Quoque tu fino a giugno.Io no ancora figlia ma ex-moglie ergo reddito necesse est anche mesi estivi.Faccio come le formiche:risparmio tutto il risparmiabile e metto da parte come le formiche all'inverso.Solo così posso sperare di sopravvivere e di farmi perlomeno 'na degna vacanza.Se chiudono le scuole io l'incarico ce l'ho fino al 30 giugno e quindi s'attaccano perché comunque ci devono pagare.Almeno questo.Bp...c'amma fa:i napoletani sono zozzi e arronzoni e superficiali.Nun ci scurdamm il colera.Per questo l'epidemia si è diffusa.Guagliona...chell che vò Dio.Nuje stamm cà:))))

|bp| ha detto...

cazz una ex moglie...anche tu hai il tuo bel da fare :D
il mio impiego, che consiste nell'assistenza di un minore con più di 2 disturbi dello sviluppo...
prevede che anche in caso di assenza del bambino io non venga pagata. Dunque da sabato non lavoro e non guadagno...e oggi stò comm'e 'na pazz!

quanto all'influenza un dottorissimo intevistati al tg1.mi pare- ha detto che a Napoli c'è stato il picco perchè siamo assai (???)
va' capenn....