-

A CUOPPO CUPO POCO PEPE CAPE ...e... POCO PEPE CAPE A CUOPPO CUPO

sabato 31 ottobre 2009

UNA PAROLA E' TROPPA E DUE SONO INUTILI

DUE FATTI GIA' SUCCESSI E , IN QUANTO TALI, INUTILI DA COMMENTARE. NE SENTIREMO PARLARE ASSAJE, MA PROPRIO ASSAJE. RIVEDREMO IL VIDEO E LE IMMAGINI FINO A CONVINCERCI DI AVER PARTECIPATO FISICAMENTE AD ENTRAMBI I FATTI GIA' SUCCESSI, SENTENDOCI ORA IL KILLER, ORA IL DEFUNTO, ORA IL DEFUNTO, ORA I KILLER. INTANTO QUESTI FATTI GIA' SUCCESSI, IN QUANTO TALI, NON CAMBIERANNO DI UN MIGLNOLO, NON SCOMPARIRANNO NE' SI RISOLVERANNO IN ALTRO MODO PER FARCI PIU' PIACERE. OGNI PAROLA A LORO RIVOLTA TORNERA' A RIEMPIRCI LA BOCCA.




" 'E muorte ca moreno c'à morte, quelli si mettono in santa pace e danno pace pure a noi. Ma chille c’avevan’ ‘a campà ancora e che, invece, moreno per volontà di un loro simile, no. Quelli non se ne vanno… Restano. Restano con noi. Vicino a noi… Attorno a nuie! Restano dint’ 'e segge… dint’ 'e mobile…! ‘A notte sentite : ” Tà…“. È nu morto ca s’è mmiso dint’ ‘o lignamme ‘e nu mobile. ‘Na porta s’arape? L’ha aperta nu muorto. Sott’ ‘o cuscino…dint’ ‘e vestite…sott’ ‘a tavula… Chilli muorte là restano…nun se ne vanno. E strillano comme ponno strillà. Perciò nun putimmo durmì ‘a notte, don Pasquà. "

E.De Filippo "Le voci di dentro" - 1948

2 commenti:

enne di niente ha detto...

E' tutto così orribile, agghiacciante. Senza senso.

bp ha detto...

esattamente...